Olio essenziale di canfora: generalità

Olio essenziale di canfora: viene ricavato per distillazione in corrente di vapore dalla corteccia della Cinnamomum camphora, un albero sempreverde, proveniente dalla Cina e appartenente alla famiglia delle Lauracee.

Olio essenziale di canfora

La nota che caratterizza l’olio essenziale di canfora è la nota di testa ed emana un aroma acre e pungente

Olio essenziale di canfora: proprietà e benefici

Antinfiammatorio: quest’olio è utilizzato molto nella pratica sportiva soprattutto nella preparazione dei muscoli ad una performance fisica e alla fine di questa come defaticante. In caso di distorsioni, contusioni, strappi muscolari e traumi sportivi in genere; si massaggia sulla parte dolorante per ottenere un rapido sollievo.

Stimolante: l’olio essenziale risulta utile in caso di svenimento, collasso o stati di shock. Ha un’azione tonificante sull’apparato circolatorio ed è indicato anche come valido rimedio in caso di stanchezza, pressione bassa e astenia.

Vasocostrittore: ha una importantissima funzione nel trattamento di inconvenienti venosi e disturbi circolatori alle gambe, in caso di gonfiori, edemi, ristagni linfatici e gambe pesanti.

Balsamico: rappresenta un ottimo mucolitico e decongestionante delle vie respiratorie in caso di malattie da raffreddamento, scioglie ed elimina il catarro in caso di raffreddore e tosse.

Antiparassitario: l’olio essenziale è un efficace repellente verso insetti come tarme, moscerini, mosche e zanzare.

Applicazioni pratiche dell’olio essenziale di canfora

Distensivo muscolare: l’olio essenziale di canfora è molto utilizzato diluendone 10 gocce in 100 ml di olio di mandorle dolci, massaggiando questa miscela nei punti interessati per due o tre volte al giorno, aiuta a distendere i muscoli tesi, affaticati, doloranti o in preda a crampi, allevia i reumatismi e i dolori articolari, riduce le ecchimosi, le contusioni e le slogature.

Unguento balsamico: l’olio essenziale serve anche per preparare un balsamo che favorisca la respirazione in caso di raffreddore e tosse;  a questo scopo si mescolano 5 gocce di olio essenziale di canfora, 3 gocce di olio essenziale di eucalipto, con 50 ml di burro di karitè, spalmare questa miscela sul petto tre volte al giorno e massaggiare.

Bagno tonificante: versare 10 gocce di olio essenziale nell’acqua della vasca da bagno e immergervisi per 20 minuti, dopo il bagno, riposare al caldo. Questo trattamento serve per alleviare i disturbi reumatici e per stimolare la circolazione sanguigna.

Lozione per pelli grasse: aggiungere 8 gocce di olio essenziale in 200 ml di acqua distillata, bagnare con questa soluzione delle garze sterili e appoggiarle sulle zone affette da acne o da foruncolosi, cambiare le garze quando si saranno riscaldate; continuare questa operazione per almeno un quarto d’ora.

Rimedio antitarme: mettere 4-5 gocce di olio essenziale di canfora in un batuffolo di cotone e riporre questo negli armadi e nei cassetti, tiene lontani tarme e insetti.

Olio essenziale di canfora: controindicazioni

Quest’olio è tossico a dosaggi elevati. Non deve essere usato in gravidanza o da soggetti epilettici.

Clicca qui per vedere gli altri articoli sugli oli essenziali

olio essenziale di canfora

Naturopata Guglielmo Carbone

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

Diploma

Attestato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.