Caratteristiche della boswellia

Boswellia: la boswellia (Boswellia serrata) appartiene alla famiglia delle Burseracee. È un albero che di solito non supera i 4-6 metri di altezza, ha una chioma molto ampia e un grosso tronco molto ramificato; le foglie cadono durante l’estate, i piccoli fiori sono di colore bianco-crema, molto profumati e riuniti in racemi, il frutto è una drupa trigona con tre semi.

boswellia

 

 

 

 

 

 

 

Proprietà della boswellia

L’azione terapeutica della boswellia è svolta da una gommoresina estratta dalla corteccia nella quale sono presenti gli acidi boswellici, gli acidi tetraciclici e i polisaccaridi, tutti elementi che sono in grado di svolgere una potente azione antinfiammatoria e analgesica riguardo in particolar modo le varie patologie che possono interessare l’apparato osteoarticolare, in pratica si ha una riduzione del dolore e del gonfiore e un miglioramento della motilità delle articolazioni. L’azione principale di questi principi attivi è quella di inibire la 5-lipossigenasi, l’enzima responsabile della produzione di sostanze che sono alla base dei processi infiammatori; inoltre questi principi attivi inibiscono pure l’azione dell’elastasi, un altro enzima che ha un potere fortemente distruttivo nell’organismo in quanto attacca e deteriora la parte elastica dei tessuti che sono interessati da un processo infiammatorio; ancora questi principi attivi sono anche in grado di bloccare l’infiltrazione dei leucociti polimorfonucleati responsabili della distruzione del tessuto connettivo.

boswellia 3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per questa sua azione antinfiammatoria e protettiva la boswellia è particolarmente indicata nel trattamento dell’artrite, dell’osteoartrite, dell’artrite reumatoide e dell’artrosi anche in considerazione del fatto che non presenta gli effetti collaterali sulla mucosa gastrica caratteristici dei farmaci che hanno un’azione simile e che vengono normalmente impiegati dalla medicina tradizionale nella terapia di queste patologie. Normalmente viene utilizzata per il trattamento di infiammazioni locali, disturbi degenerativi delle articolazioni, ridotte capacità motorie, dolori muscolari, reumatismi e infiammazioni dei tessuti molli come tendiniti, miositi e fibromialgie.

Modalità d’uso della boswellia

boswellia 2

 

 

 

 

 

 

 

800 mg di estratto secco in compresse o capsule da assumere 2-3 volte al giorno, lontano dai pasti.

Sotto forma di tintura madre 30-40 gocce due volte al giorno lontano dai pasti.

Si può trovare come ingrediente di pomate o unguenti da spalmare sulle articolazioni doloranti.

L’olio essenziale di boswellia o olio essenziale di incenso è un antisettico e un antireumatico ed è utile anche in caso di tosse, di raffreddore e come riequilibrante del sistema nervoso. Normalmente si consiglia di proseguire l’assunzione per alcuni giorni dopo la scomparsa del dolore.

Controindicazioni all’uso della boswellia

Non sono note controindicazioni nell’utilizzo della Boswellia,  né sono conosciute interazioni con altri farmaci. Tuttavia, l’assunzione può portare in alcuni rari casi degli effetti collaterali quali: eruzioni cutanee, nausea e diarrea.

Clicca qui per vedere gli altri articoli sulle piante curative

Naturopata Guglielmo Carbone      

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

Diploma

Attestato

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.