L’artiglio del diavolo: caratteristiche

L’artiglio del diavolo  appartiene alla famiglia delle Pedaliaceae. Vengono utilizzate soprattutto le radici dove sono presenti gli harpagosidi, i principi attivi responsabili delle importanti proprietà analgesiche, antinfiammatorie e antipiretiche di questa pianta.

L'artiglio del diavolo

 

 

 

 

 

 

 

L’artiglio del diavolo: proprietà

L’artiglio del diavolo si è dimostrato particolarmente efficace soprattutto nelle malattie da infiammazione che comportano un certo grado di dolore come tendiniti, osteoartrite, artrite reumatoide, mal di schiena da artrosi vertebrale, mal di testa da artrosi cervicale, contusioni, sciatica, ecc.

Nelle radici dell’artiglio del diavolo sono presenti anche molti principi amari capaci di stimolare la secrezione dei succhi gastrici e della bile e, per questo, utili nel ridurre il colesterolo e gli acidi urici del sangue e quindi indicati in casi di gotta.

L’artiglio del diavolo: modalità d’uso

L'artiglio del diavolo

 

 

 

 

 

 

USO INTERNO: si trova in commercio sotto forma di tintura madre, capsule o compresse; le dosi indicate sono:

  • In estratto secco, per problemi osteoarticolari e reumatici 300-600 mg al giorno da assumere in 3 momenti della giornata.
  • In tintura madre: 30 gocce diluite in acqua, 3 volte al giorno.
  • In infuso, 5 grammi di tisana in 500 ml di acqua, da assumere in

USO ESTERNO: Pomate e gel a base di artiglio del diavolo sono indicate in tutte le forme d’infiammazioni articolari.

L'artiglio del diavolo

 

 

 

 

 

 

L’artiglio del diavolo: controindicazioni

Considerati i vari tipi di attività, i vari rimedi a base di artiglio del diavolo sono controindicati in caso di gastrite, ulcere gastriche e duodenali, esofagiti, ecc. Sono controindicati pure in caso di assunzione di altri farmaci antinfiammatori di sintesi poiché determinerebbero un effetto additivo rispetto a quello dei farmaci, ma nello stesso tempo determinerebbero un aumento degli effetti collaterali indesiderati.

Poiché questo rimedio ha anche un effetto ipoglicemizzante se ne sconsiglia l’uso a soggetti affetti da diabete che già assumono farmaci specifici.

Questo rimedio interagisce con farmaci anticoagulanti ed ha un effetto ipotensivo, se ne sconsiglia quindi l’uso a chi è sottoposto a questo tipo di terapia. L’Artiglio del Diavolo non deve essere somministrato in gravidanza poichè può stimolare le contrazioni uterine.

La sua assunzione, in presenza di patologie, deve essere effettuata sotto stretto controllo medico e in generale il trattamento non deve essere troppo lungo, al massimo 1 o 2 settimane.

Clicca qui per vedere gli altri articoli sulle piante curative

Naturopata Guglielmo Carbone      

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

Diploma

Attestato

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.