Per un sonno naturale: rimedi naturali all’insonnia

Rimedi naturali all’insonnia: il sonno è fondamentale per la nostra salute sia fisica che mentale, è col sonno che si rinnova la nostra energia e vitalità, ed è col sonno che si fissano i ricordi, si ripristina la lucidità mentale e le capacità di apprendimento; per questo è necessario dormire bene e per un determinato numero di ore. Ma non sempre questo accade, anzi sono sempre di più le persone che soffrono di insonnia con evidenti gravi ripercussioni negative sulla loro vita di tutti i giorni.

Rimedi naturali all'insonnia

 

 

 

 

 

 

Oggi voglio parlarvi di alcuni rimedi naturali all’insonnia che vengono adottati da sempre per addormentarsi senza difficoltà e rendere il sonno abbastanza regolare.

Il rimedio naturale più conosciuto in questo senso è sicuramente la camomilla; un infuso di questa pianta preso prima di andare a dormire rilassa il corpo e la mente, favorisce il sonno e aiuta a riposare meglio. L’infuso di camomilla può essere anche utilizzato per dare sollievo agli occhi arrossati o come tonico addolcente per la pelle del viso.

Rimedi naturali all'insonnia

 

 

 

 

 

 

 

Anche il tiglio, sotto forma di infuso, possiede straordinarie proprietà calmanti e rilassanti e quindi ideali per conciliare il sonno, favorire il buon riposo e distendere dalle tensioni nervose. Il tiglio viene anche utilizzato per curare il raffreddore, la febbre e l’influenza e possiede anche proprietà antisettiche e antinfiammatorie.

La valeriana rappresenta un vero e proprio sonnifero naturale per la sua eccezionale efficacia contro l’insonnia. Di questa pianta si utilizza soprattutto la radice che viene raccolta in autunno per poi lasciarla essiccare per un certo tempo. Viene utilizzata facendone un infuso o sotto forma di estratto di questa radice.

L’infuso delle foglie di lampone favorisce il rilassamento e un sonno tranquillo. Può essere utilizzato anche per favorire in modo naturale il travaglio del parto e per regolarizzare la pressione sanguigna quando è elevata.

Sappiamo per esperienza come il profumo dei fiori di lavanda induce un senso di rilassamento e un sonno tranquillo. Si possono utilizzare le acque alla lavanda oppure gli oli essenziali lasciandone cadere qualche goccia su un fazzoletto di stoffa e lasciare questo nella camera da letto, il profumo che si sprigionerà favorirà il sonno. Anche un infuso dei fiori essiccati predispone a un buon sonno.

Dai fiori e dalle foglie di salvia essiccati si può preparare un decotto che favorisce il buon riposo e combatte l’insonnia. Le foglie devono essere raccolte nei mesi di maggio e giugno perché questo è considerato il periodo migliore per sviluppare le loro proprietà. Inoltre il decotto e l’infuso di salvia fortificano l’organismo e favoriscono la digestione.

L’iperico viene utilizzato per realizzare infusi dal potere calmante e rilassante per combattere l’insonnia e la depressione. Si ha una maggiore efficacia in questo senso se l’iperico viene associato all’assunzione di valeriana. L’iperico è considerato anche un potente antivirale e un antidepressivo naturale soprattutto nelle forme ansiose.

Rimedi naturali all’insonnia: Ganoderma lucidum

bevanda 1

 

 

 

 

 

 

 

Infine il Ganoderma lucidum che tra le tante sue funzioni ha anche quelle di combattere la tensione nervosa, lo stress, la depressione e i vari disturbi del sonno. Grazie ad alcuni suoi componenti, tra i quali l’adenosina, ha l’effetto di regolare la funzionalità del sistema nervoso centrale e quindi consentire la ripresa delle condizioni ottimali che consentono un sonno lungo e tranquillo.    

Clicca qui per vedere altri articoli sul Ganoderma lucidum

Naturopata Guglielmo Carbone

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

Diploma

Attestato

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.