Il riso e le sue proprietà benefiche principali

Il riso e le sue proprietà benefiche. La parte del riso usata a scopo officinale è l’amido contenuto nel seme che viene usato negli stati infiammatori acuti e subcronici delle vie intestinali. Come rimedio per la diarrea dei bambini e degli adulti viene invece usata la “salda” che si ottiene dall’amido di riso ridotto in polvere finissima e che a contatto con l’acqua bollente si rigonfia formando una soluzione colloidale torbida e neutra. Il riso è considerato un prezioso alimento per le sue proprietà rinfrescanti, nutrienti e remineralizzanti. È consigliato in particolare in caso di bronchite, pleurite, nefrite, uricemia, gotta, arteriosclerosi, irritazioni intestinali dei bambini, enteriti, ulcere gastrointestinali. Per avvalersi dei suoi effetti terapeutici occorre cuocerlo in acqua poco salata; in alternativa si consiglia di bere il brodo di cottura colato. Se si vuole trarre giovamento dalla sua azione emolliente, inoltre, bisogna o cuocerlo molto o, anche qui, utilizzare l’acqua di cottura.

Il riso e le sue proprietà benefiche

In caso di ipertensione arteriosa si raccomanda un’alimentazione a base di riso cotto associato a succhi di frutta, miele e zucchero di canna: seguendola per un periodo di tempo non inferiore a 8 giorni si otterrà un ristabilimento della pressione ai livelli normali. Per clistere giova nelle dissenterie, mentre per uso esterno viene utilizzato nella preparazione di bagni per le infiammazioni della pelle in impacchi contro arrossamenti, pruriti, eczemi. Per alleviare il mal di denti in caso di ascessi si possono applicare sulla guancia cataplasmi di riso molto cotto. Per quanto riguarda le applicazioni in campo cosmetico, la farina di riso è usata in maschere emollienti per pelli secche e arrossate, mentre la polvere di riso viene utilizzata per la sua azione assorbente e protettiva, nonché detergente. Nell’antichità era uso comune passarla sulla pelle per proteggerla dal vento e dalle intemperie in genere. Per questa sua azione protettiva è particolarmente indicata nella couperose, ma anche per ritoccare il trucco, se avete la pelle lucida a metà giornata: in entrambi i casi basta tamponare leggermente il viso con la polvere, che è trasparente, senza ripassare terra abbronzante o altro.

Il riso e le sue proprietà benefiche: applicazioni pratiche

Irritazioni intestinali dei bambini, enteriti, ulcere gastrointestinali: otterrete un benefico decotto facendo bollire 100 grammi di riso in un litro di acqua per 30 minuti; colate e unite un po’ di succo di limone e di zucchero. Assumete a bicchieri a seconda delle necessità.

Infiammazioni della pelle: fate bollire 250-300 grammi di farina di riso in un litro di acqua per 20 minuti. Quindi versate il tutto nell’acqua calda della vasca da bagno.

Arrossamenti, pruriti, eczemi: mettete tre pugni di riso in un litro di acqua e fate cuocere per mezz’ora, quindi colate e, con l’aiuto di una garza, fate degli impacchi sulle parti interessate. In alternativa è possibile usare 50-100 grammi di amido di riso, sempre per eseguire impacchi locali.

Maschera emolliente per pelli secche e arrossate: portate a ebollizione 2-3 cucchiai di farina di riso in poca acqua e lasciatela sul fuoco fino a quando non si presenta come una pastella densa. Lasciatela raffreddare per mezz’ora e applicatela sul viso, lasciandovela per 20-40 minuti. Sciacquate infine con acqua tiepida. In caso di infiammazioni gravi potete ripetere 2 volte al giorno.

Il riso e le sue proprietà benefiche

Clicca qui per vedere gli altri articoli sulle piante curative

Naturopata Guglielmo Carbone    

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

 

Diploma

Attestato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.