Il carciofo e le sue proprietà benefiche principali

Il carciofo e le sue proprietà benefiche. Il domestico ortaggio rivela insospettate virtù efficaci contro numerosi disturbi, in particolare dell’apparato digerente. A chi accusa fastidi ricollegabili a disfunzioni del fegato (quali alitosi, dolori al fianco destro, pruriti alla schiena, sonnolenza dopo i pasti) è consigliata una buona tisana a base di carciofo oppure l’assunzione del succo fresco spremuto dalle foglie o acquistato in erboristeria (da 2 a 6 cucchiai al giorno a seconda delle necessità). Per coloro che soffrono di calcoli biliari, il carciofo può essere un ottimo coadiuvante sia per prevenire che per risolvere il problema. Chi poi registra valori alti di colesterolo o avverte semplicemente l’esigenza di una saltuaria depurazione dell’organismo, può trovare conforto nell’infuso di carciofo. Mangiare carciofi, specialmente se crudi, senza cioè che le proprietà intrinseche siano alterate dal processo di cottura, giova molto a chi soffre di debilitazione, anemia o diarrea (nel caso di diarrea ostinata si consiglia di consumarne anche 5 al giorno. Infine chi lamenta artriti o reumatismi può ricorrere alla radice della pianta, in genere poco conosciuta e utilizzata, ma molto efficace.

Il carciofo deve essere consumato con moderazione dalle donne che allattano perché contiene sostanze che rendono il latte amaro, meno fluido e abbondante.

Il carciofo e le sue proprietà benefiche

Il carciofo e le sue proprietà benefiche: applicazioni pratiche

Disturbi al fegato: predisponete una miscela di 30 foglie di carciofo, 30 grammi di radice di asparago, 25 grammi di sommità di centaurea, 25 grammi di foglie di rosmarino, 25 grammi di radice di liquirizia, 15 grammi di rizoma di rabarbaro. Frantumate le erbe e conservatele al fresco dentro un contenitore di latta o di vetro. All’occorrenza si prende una tazza d’acqua, si fa bollire e si aggiungono 5 grammi di questa miscela, si lascia il tutto in infusione per 5 minuti, si otterrà una tisana gustosa ed efficace da consumare subito dopo i pasti principali.

Calcoli biliari: fate bollire 100 grammi di foglie di carciofo per 10 minuti in un litro di acqua; filtrate il decotto e imbottigliatelo. Bevetene 3-4 tazzine al giorno, preferibilmente prima dei pasti.

Colesterolo alto: miscelate con cura 30 grammi di foglie di carciofo, 30 grammi di foglie di orthosiphon, 20 grammi di radice di cicoria, 10 grammi di foglie di melissa, 10 grammi di foglie di vischio, 10 grammi di foglie di betulla, 10 grammi di radice di bardana. L’infuso si prepara mettendo la miscela (da conservare in un barattolo di latta o di vetro e in luogo fresco) in acqua bollente per 10 minuti: la dose è di un cucchiaio raso per ogni tazza d’acqua. Prendetene una tazza prima di ciascuno dei due pasti principali.

Artrite e reumatismi: preparate un decotto facendo bollire 30 grammi di radice di carciofo a pezzetti in un litro di acqua. Quando questa si sarà ridotta di circa un terzo, filtrate il liquido e imbottigliatelo. Bevetene un bicchiere prima dei pasti per 20 giorni consecutivi.

Clicca qui per vedere gli altri articoli sulle piante curative

Naturopata Guglielmo Carbone    

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

 

Diploma

Attestato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.