Cardo mariano e sue proprietà benefiche principali

Cardo mariano e sue proprietà benefiche. La più nota virtù dei semi del cardo mariano è la benefica azione protettiva e disintossicante del fegato. La pianta, oltre a stimolare l’appetito, a migliorare la digestione e a curare l’atonia dello stomaco, può essere di conforto anche allorchè si presentino problemi alla cistifellea, coliche e calcoli biliari, calcoli al fegato. Per la sua azione sul sistema nervoso simpatico è usata anche in caso di problemi all’utero. Dato che accresce il tono dei vasi sanguigni e la pressione arteriosa, il cardo mariano viene utilizzato nelle insufficienze cardiovascolari in presenza di infezioni o nel corso di convalescenze postoperatorie. Svolge inoltre azione calmante nelle crisi d’asma, nel raffreddore da fieno, nelle cefalee ricorrenti e nell’orticaria. Per quanto riguarda la cosmesi, la pianta non può essere utilizzata in maniera artigianale mediante preparazioni casalinghe. Delle sue preziose proprietà anche sotto questo aspetto è tuttavia possibile beneficiare rivolgendosi alle erboristerie ove si trovano oli e creme ad zione rigenerante – indicate per pelli stanche e disidratate che necessitano di un’azione energica e profonda – o rilassante. Il cardo mariano dà buoni risultati anche come antirughe, in particolare si consiglia l’olio da applicare con un leggero massaggio la sera prima di dormire, dopo un’accurata pulizia del viso.

Cardo mariano e sue proprietà benefiche

Cardo mariano e sue proprietà benefiche: applicazioni pratiche

Decotto disintossicante per il fegato: preparate un decotto mettendo i semi a bollire per 5 minuti nell’acqua nella proporzione di un cucchiaino per ogni tazza, quindi lasciate riposare altri 10 minuti tenendo il recipiente coperto. Filtrate e bevetene 2 tazze al giorno distribuite nell’arco della giornata, preferibilmente un’ora prima dei pasti. Il trattamento deve durare 15-20 giorni.

Calcoli biliari: mettete a macerare per una settimana in 400 grammi di alcool a 70°, 10 grammi di semi di cardo mariano con 10 grammi di scorza di arancio amaro, 10 grammi di foglie di carciofo, 8 grammi di foglio di boldo, 6 grammi di foglie di melissa e 6 grammi di corteccia di cannella, avendo cura che il tutto sia sminuzzato. Ricordare di agitare il preparato almeno 3 volte al giorno. Trascorsa la settimana, filtrate il tutto e prendetene 15-30 gocce per 2 volte al giorno diluite in poca acqua, preferibilmente prima dei pasti principali.

Calcoli al fegato: preparate una miscela con 10 grammi di semi di cardo mariano, 10 grammi di radice di cicoria, 5 grammi di corteccia di frangula, 5 grammi di radice di gramigna, 5 grammi di radice di rabarbaro, 5 grammi di foglie di menta. Bollitela per 5 minuti in un litro di acqua. Lasciate riposare per altri 5 minuti, poi filtrate. Bevete un bicchiere di decotto al mattino a digiuno e uno la sera sempre lontano dai pasti.

Clicca qui per vedere gli altri articoli sulle piante curative

Naturopata Guglielmo Carbone    

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

 

Diploma

Attestato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.