I principali rimedi naturali per le unghie incarnite

Rimedi naturali per le unghie incarnite. Per unghia incarnita si intende la penetrazione e la crescita di un’unghia nella pelle circostante il dito che può essere causa di dolore e può favorire la comparsa di infezioni. Sono interessati quasi esclusivamente le dita dei piedi e soprattutto l’alluce. Le cause più frequenti son da addebitarsi a scarpe troppo strette, a unghie tagliate male, ai piedi sudati con proliferazione di funghi o di batteri o a traumi a carico del piede. Inizialmente il dito si indurisce e si avverte dolore alla pressione, poi il dito si gonfia, il dolore aumenta e compaiono i tipici segni dell’infezione.

Rimedi naturali per le unghie incarnite

Rimedi naturali per le unghie incarnite: applicazioni pratiche

Aglio e olio di oliva: questi ingredienti hanno la proprietà di riparare la pelle e proteggerla contro germi e batteri fornendo un metodo efficace e naturale per guarire dall’unghia incarnita. Si prende uno spicchio d’aglio, si schiaccia per bene e si mescola con un cucchiaio di olio di oliva (15 g.) fino a formare un impasto, strofinare questo impasto sull’unghia incarnita e poi fare agire per 40 minuti, passato questo tempo risciacquare la parte trattata. Ripetere il trattamento 2 volte, tutti i giorni.

Aloe vera e tea tree oil: questi due componenti hanno proprietà antisettiche e combattono germi e batteri e con le loro capacità idratanti e riparatrici accelerano la guarigione dall’unghia incarnita. Si prendono 2 cucchiai di gel di aloe vera e si mescolano con 6 gocce di olio essenziale di tea tree fino a farne un composto omogeneo. Si strofina il composto sulla parte interessata e si lascia agire per più tempo possibile senza risciacquare. Ripetere il trattamento 2 volte al giorno fino a quando non si risolve il problema.

Miele e limone: questa miscela ha proprietà antibiotiche, utili per prevenire le infezioni, e azione calmante utile per ridurre il dolore e il rossore della pelle. Si versano due cucchiai di succo di limone (20 ml) e un cucchiaio di miele (25 g.) in una ciotola, si mescolano per bene, si strofina questo composto sull’unghia incarnita e si lascia agire per 30 minuti e poi risciacquare con acqua tiepida. Ripetere l’operazione 2 volte al giorno fino a quando non si riesce ad estrarre l’unghia.

Calendula: ha proprietà antimicotiche, antibatteriche e antinfiammatorie; l’infuso previene le infiammazione, ripara la pelle danneggiata e combatte il dolore. L’infuso si prepara facendo bollire mezzo litro di acqua e aggiungendovi 3 cucchiai di fiori di calendula (30 g.), si abbassa la fiamma al minimo e lasciamo così per 3-5 minuti; spegnere il fuoco e lasciare riposare fino a raggiungere la temperatura ambiente, filtrate e versare in una ciotola. Immergere i piedi in questo composto e lasciarveli per 15-20 minuti. Ripetere il trattamento tutti i giorni fin quando il problema non è risolto.

Aceto di mele: contiene componenti antinfiammatori che riducono il gonfiore e calmano la sensazione di dolore, inoltre regola il pH della pelle favorendo il recupero dalle infezioni. Si riscaldano 3 tazze di acqua (750 ml), si versano in una bacinella, vi si aggiunge mezza tazza di aceto di mele (125 ml) e mescolare fino ad amalgamare bene. Immergere i piedi in questa soluzione e lasciateli immersi per 20 minuti. Ripetere l’operazione tutti i giorni finchè il problema non è risolto.

Rimedi naturali per le unghie incarnite

Clicca qui per vedere gli articoli sui vari disturbi fisici e i relativi rimedi naturali 

Naturopata Guglielmo Carbone      

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

 

Diploma

Attestato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.