I principali rimedi naturali per la secchezza vaginale

Rimedi naturali per la secchezza vaginale. La secchezza vaginale è data da una lubrificazione insufficiente della vagina caratteristica della menopausa, ma che può presentarsi a qualsiasi età. È dovuta essenzialmente ai cambiamenti ormonali, con riduzione degli estrogeni, che si presentano durante e dopo la menopausa, nella gravidanza e nell’allattamento; altre cause possono essere date da infezioni batteriche o da funghi, da stress, diabete o scarsa igiene. I sintomi, oltre all’evidente secchezza, sono dati da bruciore nella zona genitale, irritazione, prurito, dolore durante i rapporti sessuali, ecc. ecc.

Rimedi naturali per la secchezza vaginale

Rimedi naturali per la secchezza vaginale: applicazioni pratiche

Camomilla: ha proprietà calmanti e antinfiammatorie le quali aiutano a ridurre l’irritazione e il prurito intimo. Si mette a bollire un litro d’acqua, si aggiungono 2 pugni di fiori e foglie di camomilla, si spegne il fuoco e si lascia in infusione per 10 minuti, dopodichè si fanno degli sciacqui sulla zona interessata.

Valeriana: ha proprietà sedative e calmanti molto utili quando la secchezza vaginale è dovuta a stati di stress. Si mette a bollire una tazza d’acqua (250 ml) e si aggiunge un cucchiaio di valeriana (10 g.) e si lascia bollire ancora per un paio di minuti, si spegne il fuoco, si lascia riposare per 10 minuti e si beve prima di andare a dormire.

Calendula e malva: la calendula ha la capacità di combattere le infezioni batteriche, la malva è un lubrificante naturale molto utile in caso di secchezza vaginale. Si prende 1 litro di acqua e vi si aggiungono 20 grammi di calendula e 20 grammi di malva, si lasciano a macerare per più di 12 ore e poi si filtra. Riscaldare il liquido nella quantità necessaria per fare degli sciacqui. Fare questi sciacqui abbastanza spesso.

Aloe vera e latte: il gel di aloe vera umidifica la vagina e ristabilisce il pH naturale, l’acido lattico del latte regola la flora batterica vaginale. Si fa una miscela con due cucchiai di gel di aloe vera (20 g.) e un cucchiaio di latte (10 ml), quando la miscela è omogenea applicarla sulla superficie vaginale. Ripetere il trattamento tutti i giorni.

Olio di sesamo: funziona come lubrificante naturale adattissimo per la secchezza vaginale e senza apportare nessun tipo di problemi. Inumidire un batuffolo di cotone con 6 gocce di olio di sesamo e applicarlo sulla superficie vaginale con un leggero massaggio. Ripetere l’operazione per almeno una settimana.

Tea tree oil: quest’olio essenziale è un antibatterico naturale molto potente quindi molto utile quando la secchezza vaginale è causata da infezioni batteriche, inoltre essendo un lubrificante naturale mantiene la vagina abbastanza umida. Bisogna usarlo però con moderazione e non applicarlo dentro la vagina perché potrebbe essere aggressivo. Si utilizza applicandone 3 gocce nella biancheria intima oppure cospargere le aree esterne con un batuffolo di cotone.

Rimedi naturali per la secchezza vaginale

Clicca qui per vedere gli articoli sui vari disturbi fisici e i relativi rimedi naturali

Cari amici, ho un sogno meraviglioso: dare benessere a quante più persone possibile con l’utilizzo di prodotti completamente naturali e senza effetti collaterali o controindicazioni. Se volete, posso consigliarvi al meglio e in modo completamente gratuito sul trattamento dei vostri disturbi con l’impiego delle sole risorse della natura. Naturalmente non intendo assolutamente sostituirmi al vostro medico e i miei consigli non tenderanno mai a rimpiazzare gli eventuali farmaci da lui prescritti. Potete contattarmi, se volete, al 320/9323852.

Naturopata Guglielmo Carbone      

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

 

Diploma

Attestato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.