Orthosiphon stamineus: il diuretico per eccellenza

Orthosiphon stamineus o Tè di Giava: è un piccolo albero appartenente alla famiglia delle Lamiacee e proviene soprattutto dal Sud-Est Asiatico e in modo particolare dall’Indonesia.

I principi attivi sono dati soprattutto da flavonoidi, tra cui quelli più presenti sono l’ortosifonina e la sinensetina, che vengono estratti dalle foglie.

Orthosiphon

Attività dell’Orthosiphon

L’Orthosiphon è noto per la sua spiccata attività diuretica e depurativa accompagnata anche da un’azione uricosurica (induce un aumento dell’eliminazione urinaria di acido urico) abbastanza spiccata; la sua assunzione determina anche un aumento dell’escrezione del sodio, del potassio e del cloro.

L’Orthosiphon agisce determinando una riduzione della forza dei legami che esistono tra l’acqua e i colloidi dei tessuti e del sangue, questo comporta liberazione di acqua con conseguente aumento della escrezione urinaria da parte dei reni. Questo estratto riduce l’incidenza di calcoli renali da acido urico in quanto favorisce l’eliminazione di questo acido attraverso le urine; la stessa cosa avviene con gli acidi ossalici e perciò viene ridotta anche l’incidenza di calcoli da ossalati. Ha anche azione alcalinizzante sulle urine e quindi combatte le infiammazioni e le infezioni di natura batterica del tratto urinario. Determina inoltre un aumento dell’escrezione di cloruri, urea e cataboliti e quindi può essere impiegato anche nel trattamento dell’ipercolesterolemia. La spiccata azione diuretica comporta anche un utilizzo come coadiuvante nel trattamento dell’ipertensione e come componente di taluni trattamenti dimagranti.

Gli estratti di Orthosiphon presentano anche attività colagoga, cioè stimolano la secrezione della bile da parte della cistifellea, e quindi determinano un incremento della funzionalità del fegato e della colecisti. Ancora, con somministrazioni prolungate nel tempo, si possono avere buoni risultati nel trattamento delle malattie reumatiche e artritiche proprio per le proprietà antinfiammatorie e depurative.

Controindicazioni all’utilizzo di orthosiphon

Non va utilizzato assieme alla Salvia officinalis proprio perché potrebbe insorgere un’azione antagonista. Da tenere presente che durante il trattamento con gli estratti di questa pianta ci deve essere sempre un abbondante apporto di liquidi. È sconsigliata l’assunzione in caso di insufficienza renale o cardiaca. Non va somministrato se si è sotto trattamento con farmaci diuretici in quanto gli effetti si possono sommare con spiacevoli conseguenze.

L’Orthosiphon, per le sue notevoli proprietà diuretiche, entra come parte integrante nella composizione del “Rei dren” della “Biorei”, un eccezionale prodotto utilizzato per il drenaggio dei liquidi corporei.

Per una consulenza gratuita sui prodotti “Biorei” telefona a:

Naturopata Guglielmo Carbone

Telefono, WhatsApp o SMS 320/9323852                     Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

 

Diploma

Attestato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.