Cos’è la calcolosi biliare

Calcolosi biliare: viene detta anche litiasi biliare ed è caratterizzata dalla presenza all’interno della cistifellea di concrezioni solide, singole o multiple, dette calcoli, di dimensioni variabili.

Il sintomo più evidente della calcolosi biliare è dato da dolore più o meno acuto localizzato nel fianco destro e che si presenta spesso di notte o nelle prime ore del mattino e che perdura per più di trenta minuti. Può essere presente anche una sensazione di peso all’addome o sonnolenza dopo i pasti, può esserci anche gonfiore intestinale, nausea e bruciori allo stomaco.

calcolosi biliare

I calcoli nella cistifellea possono essere dovuti a un eccesso di colesterolo nella bile, a un eccesso di bilirubina o da una scarsità di sali biliari oppure ancora a un incompleto svuotamento della cistifellea. I calcoli biliari sono presenti soprattutto nelle sesso femminile o in persone in età avanzata, soprattutto sopra i 65 anni.

Alimentazione in presenza di calcolosi biliare

Eliminare assolutamente tutti i cibi fritti e gli alimenti contenenti acidi grassi saturi come i formaggi, i salumi, la carne, alimenti con additivi, dolci, le bibite gassate, le bevande alcoliche, il caffè e il tè nero.

Rimedi fitoterapici per la calcolosi biliare.

La fitoterapia può risultare utile solo nei casi in cui vi siano le vie biliari pervie e non interessate da segni di infezione e solo quando i calcoli siano radiotrasparenti e inferiori a 1 centimetro di diametro. In caso di colica epatica l’unico prodotto fitoterapico di una certa utilità è la piscidia, per le sue proprietà antispastiche, da somministrare sotto forma di tintura madre nella quantità di 30 gocce in un po’ d’acqua, 2-3 volte al giorno. Il boldo è utile come colagogo, cioè stimola la contrazione della cistifellea favorendo l’espulsione della bile, e come fluidificante della bile; si assume sotto forma di tintura madre, 30 gocce in un po’ d’acqua, 2 volte al giorno. Il carciofo è utile per le sue proprietà coleretiche, cioè favorenti la produzione dei sali biliari, e ipolipemizzanti, cioè riducenti la presenza di lipidi nel sangue; si assume sotto forma di tintura madre, 30 gocce in un po’ d’acqua, 2-3 volte al giorno. Infine il tarassaco ha proprietà coleretiche e diuretiche; si assume come tintura madre, 30 gocce in un po’ d’acqua per 3 volte al giorno.

Clicca qui per vedere gli articoli sui vari disturbi fisici e i relativi rimedi naturali

Naturopata Guglielmo Carbone

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

 

Diploma

Attestato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.