Generalità sugli oli essenziali

Gli oli essenziali sono sostanze pregiate che vengono estratte dalle cosiddette “essenze” presenti in talune erbe o piante aromatiche; queste “essenze” si presentano sotto forma di minuscole goccioline nei petali dei fiori, nella buccia dei frutti, nella resina e nella corteccia degli alberi e nelle radici di queste piante ed erbe aromatiche; gli oli essenziali, dopo l’estrazione dalle piante aromatiche, si presentano come sostanze oleose, liquide, volatili e con lo stesso aroma delle piante da cui provengono, tuttavia, anche se vengono chiamati “oli”, la loro struttura molecolare e consistenza è molto diversa dagli oli vegetali. Gli oli essenziali vengono utilizzati in diversi modi: per diffusione nell’aria, per inalazioni, per suffumigi, per assunzione orale, ma anche per assorbimento attraverso la pelle tramite massaggi, pediluvi o bagni aromatici. Sono quindi elementi volatili, solubili in alcol e olio, ma non nell’acqua.

L’aromaterapia è la branca della fitoterapia che cura le malattie e preserva la salute e il benessere, sfruttando le virtù degli oli essenziali estratti dalle piante. Questa è considerata a tutti gli effetti una disciplina olistica in quanto l’azione di questi oli non è mai solo qualcosa di limitato e altamente specifico per un organo o un apparato, ma essi hanno piuttosto un’azione più generale su tutto l’organismo.

Le note degli oli essenziali

Gli oli essenziali, a seconda delle loro caratteristiche e del tipo di aroma che emanano, si distinguono in 3 note diverse:

Nota di testa: a questa nota appartengono quegli oli essenziali che si avvertono per primi e che si dissolvono velocemente. Sono essenze fresche o fruttate, come quelle degli agrumi e hanno un effetto calmante sul sistema nervoso, oppure possono essere pungenti e mentolate, come per esempio gli oli balsamici, che hanno benefici effetti sull’apparato circolatorio e respiratorio.

Nota di cuore: caratterizza le essenze morbide e floreali, gli oli essenziali caratterizzati da questa nota si dissolvono più lentamente delle prime e hanno un effetto riequilibrante e rivitalizzante, utili soprattutto nei momenti di forte tensione, agitazione o tristezza. Queste essenze si ottengono dalle foglie e dai fiori e hanno un aroma dolce e leggermente aspro.

Nota di base: gli oli essenziali caratterizzati da questa nota emanano un aroma caldo e pesante, si dissolvono ancora più lentamente delle prime e vengono ricavati da legni resine e spezie. Hanno un effetto tonificante, rubefacente e corroborante.

Le proprietà e le applicazioni degli oli essenziali

Le molecole di un olio essenziale, e quindi il profumo di questo, quando si diffondono nell’aria, penetrano all’interno del naso, qui sono presenti le cellule olfattive, queste cellule captano il profumo e lo trasmettono al cervello, il cervello elabora la sensazione evocata da quel profumo e la connette a una sensazione identica evocata, magari parecchio tempo prima, da uno stesso profumo, in questo modo vengono richiamati i ricordi e le emozioni precedenti che aveva evocato quel profumo stesso e relativi magari a una esperienza passata, tutto questo avviene in forma molto più intensa rispetto ai ricordi o alle emozioni evocati da una immagine o da un suono; è proprio per questo motivo che gli oli essenziali vengono impiegati anche per riequilibrare la sfera psichica ed emozionale. Gli oli essenziali, se inalati, possono anche raggiungere le vie aeree superiori e i polmoni, da qui, attraverso i capillari, passano nella circolazione sanguigna e si diffondono in tutto il corpo. Queste applicazioni possono avvenire attraverso la diffusione ambientale tramite dei diffusori oppure tramite bagni aromatici, suffumigi o saune.

Le molecole degli oli essenziali possono penetrare all’interno del nostro organismo, per svolgere la loro funzione, anche attraverso la pelle. In questo caso l’applicazione avviene attraverso dei massaggi previa però diluizione degli oli essenziali negli oli vegetali o in creme, in unguenti e in lozioni; oppure gli oli essenziali si possono anche utilizzare nell’acqua da bagno, nella doccia, nei pediluvi, ecc. in questo caso, però, l’acqua con gli oli essenziali deve essere agitata energicamente.

Alcuni oli essenziali possono essere assunti anche per via interna, in questo caso se ne diluiscono 2-3 gocce in un cucchiaino di miele.

Gli oli essenziali hanno tutti una loro propria attività specifica, ci sono quelli ad attività balsamica, rubefacente, cicatrizzante, rilassante, depurativa, ecc. però, possiamo dire che tutti, anche se in misura diversa, hanno proprietà antisettiche, antibiotiche e tutti potenziano il sistema immunitario.

Articoli correlati:

Olio essenziale di geranio

Olio essenziale di eucalipto

Olio essenziale di citronella

Olio essenziale di cedro

Olio essenziale di cannnella

Olio essenziale di canfora

Naturopata Guglielmo Carbone

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

Diploma

Attestato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.