Caratteristiche della melissa officinale

Melissa officinale: la melissa (Melissa officinalis) appartiene alla famiglia delle Labiateae. È una pianta erbacea perenne dall’aspetto cespuglioso, con rizoma orizzontale e fusto di 80 cm. circa ramificato alla base. Le foglie sono ovali, con margine dentellato e con numerose venature; i fiori, caliciformi campanulati, hanno un colore che va dal bianco-giallastro al rosa pallido.

Proprietà e benefici della melissa officinale

melissa officinale

 

 

 

 

 

 

Le proprietà terapeutiche della pianta sono dovute soprattutto alle foglie ricche di olio essenziale emanante un aroma molto gradevole al sapore di limone; la melissa officinale è impiegata essenzialmente negli stati d’ansia con somatizzazioni a carico dell’apparato gastroenterico; la sua azione è di tipo antispasmodico, antinfiammatorio e carminativo per cui questa pianta risulta efficace in caso di dolori mestruali, nevralgie, disturbi della digestione, nausea, flatulenza, crampi addominali e colite. Inoltre la melissa, grazie alla presenza dell’olio essenziale il quale ha un’azione calmante sul sistema nervoso e rilassante sull’apparato muscolare, è usata anche per il trattamento del mal di testa quando alla base c’è una condizione di tensione nervosa e/o muscolare. Quindi, riassumendo, possiamo dire che la melissa può essere utilizzata quando si è in presenza di un quadro di irritabilità generalizzata, di insonnia quando questa è causata da stanchezza eccessiva, di nervosismo, di sindrome premestruale e di  tachicardia. Infine c’è da tenere presente che l’estratto di foglie fresche possiede una spiccata attività antivirale grazie alla presenza in esso di acidi polifenolici e polisaccaridi particolarmente efficaci contro l’Herpes simplex.

Modalità d’uso della melissa officinale

melissa

 

 

 

 

 

 

 

Infuso: 1 cucchiaio raso foglie di melissa, 1 tazza d’acqua. Versare le foglie nell’acqua bollente e spegnere il fuoco. Coprire e lasciare in infusione per 10 minuti, filtrare l’infuso e berlo al momento del bisogno in caso di crampi addominali, colite spastica, nervosismo e nevralgie. Dopo i pasti per digerire. Prima di andare a dormire per usufruire dell’azione rilassante e blandamente sedativa.

Tintura madre: 20 gocce in poca acqua tre volte al giorno dopo i pasti. Come rilassante 30-40 gocce la sera prima di coricarsi

Controindicazioni all’uso della melissa officinale

melissa 3

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando la melissa viene assunta in grandi quantità, è possibile che si verifichi un risultato opposto a quello desiderato. Quindi invece che essere calmante, la melissa potrebbe portare ansia e agitazione. Inoltre la melissa è controindicata in caso di pazienti con disturbi della tiroide, come l’ipotiroidismo.   

Clicca qui per vedere gli altri articoli sulle piante curative

Naturopata Guglielmo Carbone      

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

Diploma

Attestato

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.