Esperienza col Ganoderma lucidum: signora Roncato

Esperienza col Ganoderma lucidum con un bambino

Foggia 02/09/2014

Gentile signor Carbone,

visitando il suo sito ho letto di numerose testimonianze, e tutte entusiastiche, di persone che assumono il Ganoderma lucidum. Anche io, spinta da un particolare entusiasmo nei confronti del Ganoderma lucidum, voglio comunicarle la mia esperienza.

Quello che voglio esternarle riguarda soprattutto mio figlio. Mio figlio ha dieci anni, è un bambino sano e perfettamente normale, almeno così dicevano tutti i test a cui l’ho fatto sottoporre  fino a circa sei mesi fa. Ma a me tutto questo non convinceva perché lo vedevo apatico, senza la vivacità tipica dei bambini della sua età, tendeva sempre ad isolarsi. A scuola, anche se dava prove di grande intelligenza, non rendeva come ci si poteva aspettare da lui; era sempre svogliato, distratto, disinteressato a tutto quello che si faceva in classe. Avevo provato a farlo visitare da pediatri, da psicologi, da neurologi e la risposta era stata sempre la stessa: “Suo figlio è perfettamente normale, sicuramente sta attraversando un particolare periodo della sua crescita, ma vedrà che col tempo tutto si sistemerà”. Ma io non potevo accontentarmi di queste spiegazioni. Avevamo fatto delle cure, delle psicoterapie, ma non avevamo avuto nessun risultato, anzi, ci sembrava di aver peggiorato la situazione.

Adesso espongo la mia esperienza col Ganoderma lucidum. Mi sono decisa di cercare qualcosa su internet che potesse fare al caso nostro, è stato così che mi sono imbattuta nel suo sito e in particolare nell’articolo che parlava dei benefici del Ganoderma lucidum sui bambini; mi sono incuriosita e ho cercato di approfondire l’argomento, ho trovato altri articoli, in altri siti, dove si parlava sempre in termini positivi di questo fungo specialmente nei riguardi dei bambini e, cosa importantissima, in tutti gli articoli si evidenziava la mancanza assoluta di effetti collaterali. Mi sono detta: “Perché non provare?” Allora mi sono procurata dei prodotti a base di Ganoderma lucidum che sarebbero sicuramente piaciuti a mio figlio.

Esperienza col Ganoderma lucidum

Era il mese di aprile quando mio figlio ha iniziato a prendere questi prodotti, lui era contento perché gli piacevano moltissimo e io avevo la speranza che il Ganoderma lucidum potesse servire a qualcosa.

Non passò neanche una settimana che l’atteggiamento iniziò gradualmente a cambiare, incominciava ad essere più presente verso quello che gli accadeva intorno, a scuola sembrava più attento e più partecipe, a casa studiava con più applicazione, incominciava ad uscire e a cercare gli amici per giocare, insomma riprendeva progressivamente a fare tutto quello che un bambino della sua età normalmente dovrebbe fare. Adesso sono passati circa cinque mesi e mio figlio è completamente rinato, è allegro, vivace, molto attivo, è uno dei più bravi a giocare al calcio e, addirittura, quest’estate ha fatto tutti i compiti per le vacanze e ha voluto farne anche di più.

Questa è stata la mia esperienza col Ganoderma lucidum. Cosa posso dire, sono felicissima, anch’io sono rinata; ero molto preoccupata per mio figlio, ma adesso tutto è passato grazie al Ganoderma lucidum e grazie anche a lei, caro signor Carbone, che ha fatto un sito molto chiaro attraverso il quale ho potuto capire i reali benefici che il Ganoderma lucidum può apportare a tutte le persone e soprattutto ai bambini.

Grazie ancora.

Tanti cari saluti.  Donatella Roncato.

Clicca qui per vedere altri articoli sul Ganoderma lucidum

Naturopata Guglielmo Carbone

WhatsApp o SMS 320/9323852                                         Facebook: Naturopata Guglielmo Carbone

Sito web: www.salutebenesserebellezza.it                    Facebook: Salute, benessere e bellezza

Diploma

Attestato

 

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.